home materiali chi siamo agenda le idee foto e video archivio territori link
Archivio

Gli studenti italiani in Erasmus si mobilitano: "Fermate il DDL Gelmini e la fuga dei cervelli"
29 novembre 10

La protesta contro il DDL Gelmini varca i confini dell'Italia. Grazie all'iniziativa di alcuni studenti italiani attualmente all'estero con il progetto Erasmus, da questa settimana in numerose città europee verranno esposti numerosi striscioni con la scritta "Fermate il DDL e la fuga dei cervelli".

 
Hanno già aderito alla protesta studenti Erasmus che vivono a Lione, Dublin, Barcellona, Falun, Granada, Madrid, Falun, Oporto, Coimbra, Lisbona, Anversa, Parigi, Cardiff, Siviglia, Delft, Montpellier, Szczecin, Louvain, Valencia, Nottingham, Trondheim, Nijmegen, Göttingen, Santiago de Compostela, Copenhagen, Monaco, Malaga, Debrecen. L'elenco completo delle città, in via di aggiornamento, può essere letto sulla pagina Facebook http://www.facebook.com/event.php?eid=130873286971551, dove si può leggere l'appello degli studenti tradotto in numerose lingue.
Plaudono all'iniziativa il Consigliere regionale Emilia-Romagna Thomas Casadei (Capogruppo PD in Commissione Lavoro, Scuola, Formazione, Cultura, Turismo), Simona Caselli (responsabile Dipartimento Università e ricerca PD Emilia-Romagna) e Riccardo Ricci Petitoni, segretario Giovani Democratici Emilia-Romagna.

"In questi giorni - affermano Casadei, Caselli e Ricci-Petitoni - in tutta Italia il mondo accademico sta protestando contro il DDL Gelmini che rappresenta un attacco all'università pubblica e di qualità. Mentre dal Governo si minimizza, facendo passare la protesta come il risultato di una sapiente, quanto misteriosa, strumentalizzazione, è significativo che gli studenti italiani che vivono all'estero decidano di portare fuori dall'Italia il loro grido di allarme."

"Grazie al progetto Erasmus - proseguono - gli studenti hanno potuto conoscere la realtà di altri paesi, dove l'istruzione pubblica non viene svilita, e dove, per superare la crisi, i governi hanno scelto di investire in formazione e conoscenza."

"Ci auguriamo - concludono Casadei, Caselli e Ricci-Petitoni - che la mobilitazione del mondo accademico possa fermare il DDL Gelmini, e che il Governo sappia accogliere le richieste di studenti e docenti: l'università italiana ha bisogno di una riforma vera, basata su investimenti, che promuova il merito, utilizzando standard internazionali di valutazione, che definisca percorsi chiari e qualificati di carriera per i giovani ricercatori, che doti delle necessarie risorse il nostro sistema di ricerca."


» Scrivi un commento * campi obbligatori

Nome *
Email
Titolo *
Messaggio *
Codice * Scrivi il codice visualizzato sulla sinistra
Privacy *


cerca

rimini carovana scuola gd come entrare a far parte dei gd cesena gd indietro pd come lavoro matteo panari ricci giovani tasse giovani democratici irian paolo statuto segretario welfare 8 lavoro maura chiulli tarroni diritti maura movimento regolamento paolo cammi movimento 5 stelle libera modena segretario regionale


Iscriviti alla GDNewsletter
iscrivimi
Copyright © Giovani Democratici dell'Emilia-Romagna, Via Rivani 35 - 40138 Bologna - Powered by Antherica Srl - Privacy
Il sito web di Giovani Democratici dell’Emilia-Romagna non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto