home materiali chi siamo agenda le idee foto e video archivio territori link
Archivio

Partecipiamo tutt* allo Sciopero Generale del 6 settembre
6 settembre 11 | Dichiarazioni

"Mai come in questo momento ci sarebbe bisogno di unità, in tutti gli ambiti della società civile. Così anche sul fronte sindacale. Ma in nome di un unanimismo formale non possiamo sottrarci dal sostenere chi in un momento così difficile per la nazione decide di far sentire la propria voce, insieme a quella di tanti cittadini e lavoratori che non ne possono più di essere vessati da un Governo canaglia.
Alla CGIL va quindi il nostro sostegno e la nostra più convinta partecipazione ai cortei ed alle manifestazioni nelle città."

 
L'ennesima manovra lanciata dal Governo, ora in discussione in Parlamento, è una mannaia iniqua che si abbatte sulle fasce più deboli della popolazione, toccando pochissimo o per nulla i grandi patrimoni ed i potentati.
Tutto il Paese dev'esser consapevole che per salvare l'Italia dal rischio di default servono grossi sacrifici, ma questo non significa scaricarli un'altra volta su quella parte di società che paga puntualmente ad ogni difficoltà, mentre la forbice fra ricchi e poveri si allarga sempre più.
In un momento come questo occorre, oltre al lavoro delle opposizioni in Parlamento, anche la mobilitazione delle parti sociali e della società civile, defraudate della loro funzione concertatrice e conciliatoria. E' chiaro che il Governo vuole imporre il suo modello classista senza discuterlo, nascondendosi dietro l'urgenza delle richieste europee.
Per questo invito tutti i Giovani Democratici emiliano-romagnoli, la giovani lavoratrici ed i giovani lavoratori, gli studenti e gli universitari a mobilitarsi questo martedì, il 6 settembre, e partecipare allo Sciopero Gazionale indetto dalla CGIL, manifestando il nostro dissenso verso questa manovra, chiedendo provvedimenti più giusti ed equi che non colpiscano i più deboli ma incoraggino la ripartenza del lavoro e della crescita.
Mai come in questo momento ci sarebbe bisogno di unità, in tutti gli ambiti della società civile. Così anche sul fronte sindacale. Ma in nome di un unanimismo formale non possiamo sottrarci dal sostenere chi in un momento così difficile per la nazione decide di far sentire la propria voce, insieme a quella di tanti cittadini e lavoratori che non ne possono più di essere vessati da un Governo canaglia.
Alla CGIL va quindi il nostro sostegno e la nostra più convinta partecipazione ai cortei ed alle manifestazioni nelle città.
A testa alta, testimoniando il nostro diritto a vivere in un Paese più giusto, che non affossa i propri talenti ma li incoraggia
 
Riccardo Ricci Petitoni
Segretario regionale Giovani Democratici E-R



» Scrivi un commento * campi obbligatori

Nome *
Email
Titolo *
Messaggio *
Codice * Scrivi il codice visualizzato sulla sinistra
Privacy *


cerca

indietro democratici movimento 5 stelle paolo statuto roma segretario regionale irian giovani democratici giovani gd matteo pd governo segretario paolo cammi welfare libera come lavoro maura carovana ricci andrea baldini giovani democratici giovani matteo panari movimento rom 8 scuola gd regolamento lavoro


Iscriviti alla GDNewsletter
iscrivimi
Copyright © Giovani Democratici dell’Emilia-Romagna, Via Rivani 35 - 40138 Bologna - Powered by Antherica Srl - Privacy
Il sito web di Giovani Democratici dell’Emilia-Romagna non utilizza cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie strettamente necessari per la navigazione delle pagine e di terze parti legati alla presenza dei "social plugin". Per saperne di più Accetto